RASSEGNA STAMPA
LA LEGGE 194 E LA LEGGE 40: "FUNZIONANO"


In Puglia prosegue il braccio di ferro tra ginecologi obiettori e la delibera della giunta regionale pugliese che vorrebbe solo personale non obiettore nei consultori “per equilibrare il personale”. La decisione della giunta viola la 194 all’articolo 2 e 5 che prevedono la necessità di prevenzione e di rimozione delle cause dell’aborto. Da decenni i consultori – non solo in Puglia - sono ridotti a dispensatori di prestazioni: pillole contraccettive e aborto, anche se non era in origine questa la loro finalità.  Anche da noi l’aborto è divenuto una prestazione sanitaria, dovuta tout court a chi la chiede e con la massima efficienza; della 194 è stata elusa la prevenzione, ne è stato evaso l’aspetto sociale. E non basta dire che la 194 “funziona” perché i numeri dicono che gli aborti sono diminuiti. Non basta. Si dovrebbero incoraggiare ipotesi di lavoro come quella di Olimpia Tarzia che nel Lazio ha proposto una legge regionale di riforma dei consultori perché diventino strutture a sostegno della famiglia e dei Leonardo Da Vinci, Cinque vedute del feto nell'utero (particolare). Royal Library, Windsor (GB)valori etici di cui essa è portatrice. E visto che le donne “sfuggono” ai consultori e si rivolgono più spesso a strutture private e ai medici di fiducia, si dovrebbe verificare quale lavoro di prevenzione viene fatto da queste due categorie di strutture o di professionisti. Vigilare cioè che davvero una legge stia funzionando è di più che trarre un giudizio sui soli numeri.  

La relazione annuale sulla Legge 40 ha rivelato che sono circa 8.000 i nuovi nati da fecondazione assistita  nel 2008 (erano approssimativamente meno di 4000 prima dell’entrata in vigore della legge); l’incremento dei cicli rispetto al 2007 è pari al 9.2%. Se a questo dato si aggiungono le 391 coppie (pari al 40% di tutte le coppie che si sottopongono a PMA) che mensilmente si rivolgono a strutture estere (l’Italia sarebbe al primo posto in Europa per quanto riguarda il turismo procreativo, secondo le stime recenti della Società Europea di riproduzione umana ed embriologia –l’ESRHE -)  potremmo ironicamente ipotizzare che è improvvisamente aumentata nel nostro Paese la sterilità di coppia – la legge 40 consente l’accesso alla PMA alle sole coppie sterili (art.1) – oppure che la legge ha introdotto e consolidato come era inevitabile una mentalità, quella per cui il ricorso alla fecondazione artificiale  diviene il facile rimedio alla programmazione della maternità quando si desidera, a prescindere dalla sterilità. Il dato è confermato anche dall’innalzamento dell’età della donna che vi fa ricorso (età media 36,1 anni in Italia nel 2008 versus il 33,8 in Europa nel 2005). Si sceglie di diventare madri sempre più tardi, le priorità sono altre; in uno studio inglese del Centro di medicina riproduttiva di Leeds si fa rilevare che l’85.7% delle donne dell’Unione europea antepone la carriera alla costituzione della famiglia; forse tra le cause c’è anche una politica che non favorisce la natalità. In Italia la metodica più usata è la ICSI (80% delle inseminazioni). La tutela dell’embrione, uno dei capisaldi della difesa della legge 40 durante il referendum del 2005,  è stata ridimensionata fino alla quasi completa vanificazione: nel 2008 per avere 8.000 “bambini in braccio”, sono stati sacrificati 84.861 embrioni e probabilmente se ne produrranno sempre di più a causa delle sentenze che hanno annullato il limite della produzione di più di tre embrioni per ciclo e il divieto della crioconservazione (art.14). Infine una sentenza del TAR del Lazio (la 398 del 2008) ha dischiuso le porte alla diagnosi preimpianto.    

Rimane attuale ed essenziale la domanda: Chi è mai l’uomo perché io lo curi? Questo è ancora oggi e sempre lo scopo del nostro lavoro: rispondere a questa domanda ogni giorno in qualsivoglia questione sanitaria, tecnica o politica che ci si trovi ad affrontare. Non è un gusto di contrapposizione: se non è così non si può vivere da uomini, ci si accontenta per non affrontare le questioni.
Editoriale a cura di C. Isimbaldi  

                                                                                   La Redazione

(Versione in pdf per stampa)


OBIEZIONE DI COSCIENZA/CONSULTORI

"Chi emargina gli obiettori rinnega la 194" - (Avvenire E' Vita)
- 08/07/2010 In evidenza

Consultori, il capolavoro Tarzia - (Il Manifesto)
I. Dominijanni - 08/07/2010

E il "caso-Puglia" arriva fino a Bruxelles - (Avvenire E' Vita)
- 08/07/2010
ABORTO/RU486/LEGGE 40/CONTRACCEZIONE

"Ru486? L'Umbria farà da sè". Le associazioni insorgono - (Avvenire)
M.R. Valli - 03/07/2010

Fertilità congelata. In attesa dell'amore o del lavoro sicuro - (Corriere Della Sera)
D. Natali - 04/07/2010

Aborto, tre regioni si ribellano a Zapatero - (Corriere Della Sera)
E. Rosaspina - 06/07/2010

Berlino, diagnosi pre-impianto sarà legale - (Liberazione)
- 07/07/2010

I punti fermi. Poi le sentenze - (Avvenire)
I. Nava - 07/07/2010 In evidenza

Roccella: "Una norma che bilancia i diritti" - (Avvenire)
P.L. Fornari - 07/07/2010

Selezione degli embrioni. La Germania dice sì - (La Stampa)
A. Alviani - 07/07/2010

Le donne milanesi abortiscono di più e fanno figli più tardi - (Il Giornale ed. Milano)
- 07/07/2010

Senza dirlo ai genitori - (Il Foglio )
- 07/07/2010 In evidenza

Spagna. Aborto, si allarga il fronte del "no" - (Avvenire)
M. Coricelli - 07/07/2010

Una legge ingiusta e immorale - (L'Osservatore Romano)
- 07/07/2010 In evidenza

L'aborto che non passa - (Il Foglio )
B. Foà - 07/07/2010 In evidenza

Il femminismo infanticida - (Il Foglio )
- 07/07/2010

Oltre 10mila nati: è il boom della provetta - (Avvenire)
V. Daloiso - 07/07/2010

Derive in provetta - (Il Foglio )
- 08/07/2010

Diagnosi sugli ovuli. E il bimbo nasce sano - (Avvenire E' Vita)
G. Melina - 08/07/2010 In evidenza

Gli aiuti alle mamme salvano dall'aborto oltre 1.600 bambini - (Il Giornale)
M. Sorbi - 08/07/2010 In evidenza

Quanti embrioni "costa" un bimbo fatto in provetta? - (Avvenire E' Vita)
M. Aramini - 08/07/2010 In evidenza
STAMINALI

Esof 2010 la scienza dimezzata - (Avvenire E' Vita)
F. Alessandri - 08/07/2010
TESTAMENTO BIOLOGICO/EUTANASIA/CURE PALLIATIVE

E la vera medicina parlò tedesco - (Avvenire)
G. Gigli - 03/07/2010 In evidenza

C'è la legge, non la mentalità. Dolore ancora ignorato in corsia - (Corriere Della Sera)
M. Pappagallo - 06/07/2010

Il pioniere degli stati vegetativi: "Mai accorciare la vita" - (Avvenire E' Vita)
P. Ciociola - 08/07/2010 In evidenza

L'anticamera dell'eutanasia - (Avvenire)
P. Morandini - 08/07/2010
BIOETICA/BIOPOLITICA/RIDUZIONISMO

Chi ha paura dello scienziato? - (La Stampa)
P. Bianucci - 05/07/2010

Genetica non profetica - (Il Foglio )
R. Volpi - 06/07/2010 In evidenza

Maternità hi-tech - (La Repubblica)
E. Naselli - 06/07/2010

Abbiamo detto no ai cloni in tavola - (Il Giornale)
L. Ronzulli - 08/07/2010
SANITA' USA

Doctor Health - (Il Foglio )
- 08/07/2010 In evidenza
PROFESSIONE

Errori medici, in ospedale i mediatori anti-cause - (Corriere Della Sera ed. Milano)
S. Ravizza - 07/07/2010

"Dentro gli Ordini dei medici, per difendere la vita" - (Avvenire E' Vita)
E. Vinai - 08/07/2010
ORGANIZZAZIONE SANITARIA/SPESA/MANOVRA

Deficit sanitario, più tasse in 4 regioni - (Corriere Della Sera)
- 03/07/2010

"I certificati di malattia online? I pronto soccorso rischiano il caos" - (Corriere Della Sera ed. Milano)
S. Ravizza - 04/07/2010

Cure all'estero per malati gravi senza ok del Ssn - (Il Sole24Ore)
S. Rossi - 05/07/2010

La Sanità decurtata per 5 milioni di italiani - (La Repubblica)
M. Pirani - 05/07/2010

Farmaci comprati on line. L'Italia apre all'Europa - (La Stampa)
M. Zatterin - 06/07/2010

Indebitati per guarire - (La Repubblica)
A.R. Cillis - 06/07/2010

Pronti i tagli agli ospedali - (La Gazzetta del Mezzogiorno)
B. Martellotta - 07/07/2010

Ospedali pubblici e privati si alleano - (La Stampa)
G. Maggio - 07/07/2010

Scontro sui farmaci. Parte la protesta - (Il Sole24Ore)
S. Todaro - 07/07/2010

Deduzioni allargate nella sanità - (Italia Oggi)
F. Poggiani - 08/07/2010

Ospedali universitari: donazioni con sconto - (Il Sole24Ore)
M. Saccaro - 08/07/2010

Invalidi, dalla rivolta al sospiro di sollievo - (Avvenire)
R. D'Angelo - 08/07/2010