RASSEGNA STAMPA
LA MEDICINA DI QUALITA', IL NUMERO PROGRAMMATO, E LA VOCAZIONE ALL'ESSERE MEDICO: TRE ELEMENTI INCOMPATIBILI?


Anche quest’anno si è appena concluso il rito del concorso di entrata a Medicina. Il rapporto di circa uno a dieci tra posti disponibili e candidati indica, una volta di più, il desiderio e nello stesso tempo la difficoltosa ad entrare in quella che, ancor oggi, rimane una delle professioni più ambite. La cura dell’uomo, il prendersi cura della persona, rappresenta ancor oggi un anelito profondo, che permea il cuore di tanti ragazzi. Si può obiettare che le prospettive di guadagno rappresentano il vero “primum movens” di tanti. La difficoltà, ben nota, a trovare una sistemazione adeguata, una volta laureati, non supporta a fondo tale ipotesi, pur mantenendola attendibile per qualcuno. In sostanza, quindi, la scelta del giovane di diventare medico rimane il più delle volte legata all’idea del rapporto umano e professionale con la persona bisognosa di cure, che la medicina permette di mettere al centro della propria vita lavorativa.
Gli attuali criteri di selezione dei candidati a Medicina rispondono a questa logica? Difficile dare una risposta, visto che mancano indicatori oggettivi per una corretta valutazione. Le opinioni, in mancanza di statistiche, sono molto divergenti, da chi sostiene che non dovrebbe esserci numero chiuso, a chi sottolinea che il sistema attuale non permette la selezione dei ragazzi con una reale vocazione alla Medicina, a chi infine indica il sistema attuale come il meno peggio rispetto a tante storture possibili.
Qualsiasi soluzione proposta porta in sé possibili problemi. L’inserire nella valutazione di selezione il curriculum degli studi superiori porta il rischio legato alla forte disparità geografica nella valutazione degli studenti delle Scuole superiori, che può fungere da volano ad una selezione per area geografica e non per merito curriculare. L’inserimento di colloqui attitudinali, di per sé di grande utilità, pone il problema di fare colloqui personalizzati a decine di migliaia di candidati medici all’anno, senza contare la difficoltà di quantificare (in voto) l’”attitudine” a essere medico. Cambiare i quiz, togliendo ad esempio quelli di cultura generale, potrebbe avere senso, ma è tutto da dimostrare che un medico non debba avere una formazione a tutto tondo, che funga da base per la sua formazione medica specifica.
Nell’ambito del  grande dibattito in corso, restano alcuni elementi su cui costruire le ipotesi di lavoro future. 1. Il numero chiuso è necessario: la qualità della formazione è assolutamente irrinunciabile, e non è  possibile un accesso di studenti superiore a quelli che sono i mezzi e le possibilità di formazione delle Facoltà di Medicina. Il numero di medici è importante, ma è più importante che essi siano “bravi”; 2. È anche irrinunciabile un sistema che garantisca opportunità uguali di successo ai test di entrata. E il sistema attuale, così come è costruito, da’ sufficienti garanzie; 3. Qualsiasi sia il sistema di selezione, esso dovrà essere comunque integralmente finalizzato alla formazione di medici in grado di curare le persone e non le malattie da cui esse sono affetti; L’attenzione alla persona non è un fatto scontato, è un percorso che nasce da una cultura e, soprattutto, da un’educazione alla compassione (il “cum patior” latino) dell’uomo con l’uomo.

Editoriale a cura di Carlo-Federico Perno, Università di Roma “Tor Vergata”


                                                                                                              La Redazione           
(versione in pdf per stampa


IN MERITO ALLA DECISIONE DEL TAR DI PUGLIA - Dal Dott. Nicola Natale, Ginecologo
La decisione del TAR Puglia è sicuramente un riconoscimento alla libertà di coscienza, alla non discriminazione dei soggetti nei luoghi di lavoro e all’impegno dei ginecologi che hanno fatto ricorso alla scelta della Regione di estromettere gli obiettori dai consultori pubblici. (leggi il testo)

ABORTO / LEGGE 194 / RU486 / OBIEZIONE DI COSCIENZA / IL CASO PUGLIA

Pillola abortiva, al Nord l'80% di richieste - (Il Sole24Ore)
M. Bartoloni - 11/09/2010

Il no di Siviglia: "Non saremo la città simbolo dell'aborto" - (Avvenire)
M. Coricelli - 12/09/2010

La bimba di Trieste, coraggio di madre e vergogna di stato - (Avvenire)
Mons. L. Negri - 12/09/2010

Pillola abortiva, "flop" nel Levante - (Il Secolo XIX)
S. Schiaffino - 12/09/2010

Spagna: Aborti in calo, prima della legge - (Avvenire)
M. Coricelli - 14/09/2010

Il Tar ferma la crociata di Vendola: sull'aborto viola la Costituzione - (Il Giornale)
B. Castellaneta - 15/09/2010

Il Tar della Puglia: "Sì all'obiezione" - (Avvenire)
D. Pozzoli - 15/09/2010

Medici obiettori, il Tar dice "no" alla Regione - (La Gazzetta del Mezzogiorno)
N. Pepe - 15/09/2010

Una casa e un lavoro alla madre derubata del bebè - (Libero)
S. Bertuzzi - 15/09/2010

Cuba, difende la vita e va in carcere - (Avvenire - E' vita)
S. Varrazzo - 16/09/2010

Aborto chimico sotto osservazione - (Avvenire - E' vita)
F. Assandri - 16/09/2010

Imbarazza la "guerra" dei Flamigni - (Avvenire - E' vita)
R. Mazzoli - 16/09/2010

Obiettori, la lezione pugliese - (Avvenire - E' vita)
T. Scandroglio - 16/09/2010

"I medici non intralcino chi ha deciso di abortire" - (Corriere del Mezzogiorno)
F. Strippoli - 16/09/2010

La pillola abortiva si usa solo al Nord - (Il Sole24Ore Sanità)
M. Bartoloni - 20/09/2010
STAMINALI / RICERCA

"Successo dei primi test, riparo il cuore con le staminali" - (Corriere Della Sera)
S. Ravizza - 13/09/2010

La favola delle cellule etiche - (L'Unità)
S. Bartolommei - 15/09/2010

La "persona umana", questa sconosciuta - (Avvenire - E' vita)
- 16/09/2010

"Smonto un gene per curare il cancro" - (Avvenire - E' vita)
G. Melina - 16/09/2010

Ricerca sugli embrioni, la Casa Bianca non molla - (Avvenire - E' vita)
L. Schoepflin - 16/09/2010

Il volto amico dei virus - (Il Sole24Ore)
A. Codignola - 16/09/2010

Anemia mediterranea: l'asso è la terapia genetica - (Il Sole24Ore)
L. Luzzato - 17/09/2010

Talassemia senza risonanza - (Il Sole24Ore)
P. Cianciulli - 20/09/2010
LEGGE 40 / GENETICA / EUGENETICA / RIDUZIONISMO

Annuncio a pagamento di Bondi. Elogi al medico (primo criticato) - (Corriere Della Sera)
V. Piccolillo - 14/09/2010

Il goffo disegno del DNA umano - (Corriere Della Sera)
G. Remuzzi - 14/09/2010

India. Uteri in affitto, vite umane spedite per posta - (Avvenire - E' vita)
- 16/09/2010

L'eugenetica? Figlia del mercato - (Avvenire - E' vita)
T. Gomez - 16/09/2010
EUTANASIA / TESTAMENTO BIOLOGICO / CURE PALLIATIVE

Quando l'eutanasia si candida a diventare spot televisivo - (Avvenire)
F. Ognibene - 15/09/2010

Stop alla "dolce morte" in tv - (Avvenire)
S. Varrazzo - 15/09/2010

Ma quella "accabadora" non c'entra con l'eutanasia - (Avvenire)
L. Bellaspiga - 16/09/2010

Biotestamenti: senza legge i comuni fanno da sè - (Avvenire - E' vita)
I. Nava - 16/09/2010

I registri locali? Inutili e costosi - (Avvenire - E' vita)
A. Gamino - 16/09/2010

Il testo sul fine vita fermo in commissione - (Avvenire - E' vita)
P.L. Fornari - 16/09/2010
BIOETICA

Le questioni immorali di Obama - (Il Foglio )
- 11/09/2010

"Bioetica: rispondere alle sfide del presente" - (Avvenire)
L. Malandrino - 12/09/2010

La bioetica nella società dei consumi - (Il Giornale)
S. Sari - 13/09/2010

Il Papa: vigilanza sulle biotecnologie - (Corriere Della Sera)
G.G. Vecchi - 14/09/2010

La presidente malthusiana - (Il Foglio )
- 16/09/2010

Toc toc, c'è vita nel movimento? - (Il Foglio )
- 16/09/2010
PROFESSIONE / ORGANIZZAZIONE SANITARIA / SPESA

Rimborso crediti: i tempi di attesa crescono ancora - (Il Sole24Ore)
R. Turno - 12/09/2010

Cardarelli: scure sulle visite private, insorgono i sindacati - (Il Mattino)
M. La Penna - 12/09/2010

Nessun formalismo per il rimborso delle spese mediche - (Il Sole24Ore)
S. Rossi - 13/09/2010

Chi anche al Sud dice "Yes we can!" - (La Repubblica)
- 13/09/2010

Ricerca, tanti soldi sui prgetti veneti - (Il Gazzettino)
D. Boresi - 14/09/2010

Certificati on line, è scontro tra i medici e Brunetta - (Il Messaggero)
M. Giovannelli - 14/09/2010

A sorpresa Umbria e Marche tra i benchmark sanitari - (Il Sole24Ore)
R. Turno - 15/09/2010

Più infrastrutture al nord, a sud tagli alla sanità - (Il Sole24Ore)
G. Santilli - 16/09/2010

Rinvio a febbraio per i certificati online - (Il Sole24Ore)
M. Perrone - 16/09/2010

Certificati di malattia online. Le multe partono da gennaio - (Corriere Della Sera)
M. De Bac - 16/09/2010

Crescono i dubbi sulla sanità così il percorso si allunga - (Il Sole24Ore)
R. Turno - 17/09/2010