RASSEGNA STAMPA
UN NOBEL NON NOBEL


Ci ha sorpreso ma c’era da aspettarselo: il Nobel per la medicina è stato attribuito a Edwards, per avere introdotto in medicina una nuova tecnica: quella della fecondazione artificiale di massa.
Ci ha sorpreso perché il premio Nobel – industriale svedese che lo istituì inserendolo nelle sue ultime volontà -  è un'onorificenza che originariamente viene attribuita a persone che si sono distinte per aver apportato «considerevoli benefici all'umanità»;  come tutti sappiamo è una delle massime onorificenze della nostra epoca. In particolare i premi Nobel vengono conferiti in campi specifici quali quello della chimica, della fisica, della medicina, della letteratura e dell’economia.
Per quanto riguarda la medicina il primo premio è del 1901; in genere il Nobel per la medicina  attiene al merito scientifico di una scoperta, di uno studio, e al suo impatto sulla realtà clinica.  Indubbiamente Edwards ha stravolto un metodo clinico di approccio alla sterilità senza risolverla e inserendola in una sorta di “mercato incontrollabile” nel vero senso del termine,  (chi verifica che le coppie che si sottopongono alla FIV-ET siano davvero sterili?) secondo la logica che a determinare tout court la scelta e l’applicabilità di una tecnica medica sia il desiderio naturale della coppia di avere un figlio. Il suo merito scientifico, è quello di aver applicato all’uomo una tecnica di fecondazione extracorporea artificiale già usata da anni con efficacia negli animali:  Edwards ha applicato una tecnica preesistente utilizzando materiale umano, i gameti.  
La medicina è nata per curare l’uomo. Per questo prima di dare il via all’uso su larga scala di  “tecniche innovative” o all’utilizzo di  nuovi farmaci il criterio è da sempre quello del rapporto rischio-beneficio, verificato dopo adeguata sperimentazione. Cioè la medicina è mossa dal principio di precauzione, avendo a che fare con la vita dell’uomo. Non si dà medicina senza questi due cardini: principio di precauzione e calcolo verificato di rischio-beneficio.
E’ dunque sorprendente che un premio Nobel alla medicina sia stato assegnato nel riconoscimento di una messa a punto di una bio-tecnica per risolvere il problema reale o presunto della sterilità di coppia e che ha permesso sino ad oggi la nascita di 4 milioni di bambini e la morte di altri 41 milioni.
E’ come se un vaccino studiato da anni e finalmente tecnologicamente pronto  - in risposta a un bisogno reale di difesa di una popolazione da un microrganismo invasivo – venisse introdotto in commercio e successivamente premiato pur avendo immunizzato 4 milioni di persone e determinato la morte di altri 41 milioni. E’ forse un esempio grossolano, ma è significativo: nessun organismo di controllo approverebbe l’introduzione di un simile vaccino, non nella pratica medica riguardante uomini.
L’assegnazione di questo Nobel dunque è segno che sicuramente c'è stata una evoluzione del concetto di “beneficialità”, da cui non è esente chi ha scelto Edwards indicandolo ad esempio.
Con questo Nobel si è dato riconoscimento e via libera a una mentalità: l’uomo può fare ciò che vuole della propria vita, manipolandola sin dall’inizio, sino a decidere di avere un figlio a tutti i costi. Le conseguenze di questa opzione, che è una opzione culturale,  prima che scientifica, le abbiamo sotto gli occhi:  il dramma degli embrioni congelati da anni, la ricerca sugli embrioni, la fecondazione eterologa da cui l'utero in affitto da cui il sovvertimento dei rapporti intrafamiliari da cui il costituirsi di forme alternative alla famiglia naturale ...  cioè il  sovvertimento dei rapporti tra persone, cioè una impatto sulla vita dell’uomo, la convivenza civile e familiare con ripercussioni non calcolabili ora.
Infatti non a caso a colpi di sentenze, ricorsi e appelli, si ricomincia a discutere l’introduzione dell’eterologa anche nel nostro Paese.

Editoriale a cura di C. Isimbaldi


                                                                                        La Redazione           

(Versione in pdf per la stampa)


MEDICINA E PREMIO NOBEL

Caro Edwards, quante vite è costato il tuo Nobel? - (IlSussidiario.net)
R. Colombo - 05/10/2010

Il papà di quattro milioni di bambini in vitro - (Il Sole24Ore)
L. Ricci - 05/10/2010

L'ex soldato che provò ad aiutare la natura - (Corriere Della Sera)
A. Bazzi - 05/10/2010

"E' accanimento riproduttivo. Lo spirito iniziale è stato tradito" - (Corriere Della Sera)
G.G. Vecchi - 05/10/2010

Il Nobel alla provetta dato per far arrabbiare la Chiesa - (Libero)
L. Santambrogio - 05/10/2010

Le mani sulla vita. E ti danno pure il Nobel - (Avvenire)
C. Bellieni - 05/10/2010

Il Nobel all'uomo che ha favorito la vita - (L'Unità)
M. Mori - 05/10/2010

La rabbia inutile del Vaticano - (Il Fatto Quotidiano)
M. Politi - 06/10/2010

Non è vero progresso - (Avvenire)
R. Colombo - 07/10/2010 In evidenza

Una corsa al ribasso - (L'Osservatore Romano)
C. Bellieni - 07/10/2010 In evidenza
OBIEZIONE DI COSCIENZA

"L'obiezione di coscienza resta un diritto di libertà" - (Avvenire)
P.L. Fornari - 08/10/2010 In evidenza
EMBRIONI / LEGGE 40

L'esercito delle mamme nonne - (L'Unione Sarda)
L. Salis - 04/10/2010

In Italia il figlio in provetta resta un'odissea - (La Stampa)
E. Lisa - 05/10/2010

Sono tutti danesi i papà del mondo - (Il Sole24Ore)
M. Magrini - 06/10/2010

Pionieri o eretici. I signori italiani della provetta - (Corriere Della Sera)
A. Bazzi - 06/10/2010

Il Papa e la provetta - (La Repubblica)
L. e F. Cavalli Sforza - 06/10/2010

Torna alla Consulta il no alla fecondazione eterologa - (Il Sole24Ore)
M. Perrone - 07/10/2010

Scorciatoie senza uscite - (Avvenire)
A. Morresi - 07/10/2010

Ragione sotto attacco - (IlSussidiario.net)
L. Violini - 07/10/2010 In evidenza

La norma che tutela tutti (incluso il concepito) - (La Discussione)
- 08/10/2010

La Chiesa è con la scienza - (L'Osservatore Romano)
A. Vescovi - 08/10/2010
ABORTO / LEGGE 194 / RU486

Morte altre due donne a causa della RU486 - (Avvenire)
A. Morresi - 02/10/2010

Libere di morire con la RU486 - (Il Foglio )
- 02/10/2010

Fondi provita dalla Regione, ogni giorno evitati tre aborti - (Il Giornale ed. Milano)
M. Sorbi - 06/10/2010

Legge 194, basta con l'ipocrisia - (Avvenire)
P. Pirovano - 07/10/2010 In evidenza
STATO VEGETATIVO
BIOETICA / BIOPOLITICA

La Medicina è una questione etica - (Italia Oggi)
B. Pacelli - 05/10/2010

Perchè etica e ricerca devono sapere dialogare - (La Repubblica)
P. Coda - 06/10/2010

Medici, il lusso di obiettare - (L'Unità)
A. Giubilini - 07/10/2010

Il Consiglio d'Europa rispetti il suo mandato - (Avvenire)
P.L. Fornari - 07/10/2010

Un voto per ridurre i medici obiettori - (Il Secolo XIX)
- 07/10/2010
ORGANIZZAZIONE SANITARIA / OSPEDALI / SPESE

Medici in pensione a 70 anni. Critiche - (Il Tempo)
- 01/10/2010

Gravidanza, come dare maggiori garanzie a mamme e neonati - (Il Messaggero)
D. Manfellotto - 02/10/2010

In arrivo controlli spietati sull'attività intramoenia - (Il Sole24Ore)
R. Turno - 03/10/2010

Cassa sanitaria unica per Intesa Sanpaolo - (Il Sole24Ore)
N. Borzi - 03/10/2010

Giro di vite sulle liste di attesa - (Il Sole24Ore)
P. Del Bufalo e S. Todaro - 03/10/2010

Ignorata la legge contro il dolore - (Il Sole24Ore)
M. Bartoloni - 04/10/2010

L'utopia della nascita a rischio zero - (Tempi)
L. Frigerio - 06/10/2010

Dedalus firmerà il software per il nuovo sistema sanitario - (Il Sole24Ore)
C. Peruzzi - 07/10/2010

Costi standard al via dal 2013, saranno tre gli enti-modello - (Il Sole24Ore)
R. Turno - 07/10/2010
MALASANITA' E INFORMAZIONE
RICERCA

Cervelli in fuga da Oxford. Troppi tagli alla ricerca - (La Stampa)
A. Malaguti - 02/10/2010

Libera guerra ai superbug - (Il Sole24Ore)
G. Corbellini - 03/10/2010

Cuore bionico salva 15enne. Dove arriverà la scienza? - (La Gazzetta dello Sport)
G. Dell'Arti - 03/10/2010