RASSEGNA STAMPA
LE NOSTRE DOMANDE SULL'INFLUENZA H1N1


Influenza H1N1: ormai è  un termine non piu’ circoscritto agli addetti ai lavori, ma esteso ai “media”, e comprensibile alla maggioranza della popolazione, che ha creato un sistema, non si sa se virtuoso o vizioso, di ipercomunicazione che ha coinvolto milioni di persone. L’organizzazione mondiale della Sanita’ ha caratterizzato l’epidemia influenzale come una vera pandemia, ed effettivamente non mancano gli elementi epidemiologici che autorizzino tale definizione. La situazione si presta tuttavia ad alcune riflessioni, che contribuiscono a capire un po’ meglio quale e’ la situazione in cui ci troviamo.
Nel mondo sono stati diagnosticati finora circa 210.000 casi di influenza cosiddetta “suina” (la gran parte dei virus influenzali umani ha origine suina, quindi la terminologia in realta’ non e’ corretta). Guardando la mortalita’ (circa 2000 casi nel mondo) la percezione puo’ essere quella di una malattia alquanto pericolosa in termini di letalita’ (apparentemente un caso di morte ogni 100). Un’attenta analisi della casistica mostra, pero’, che quasi 1900 della totalità dei soggetti morti e’ presente nelle Americhe. La mortalita’ in Europa e’ di poco piu’ di 80 casi su circa 50.000 diagnosticati, molto simile, se non inferiore, alla mortalita’ relativa all’influenza stagionale.
Gli elementi in nostro possesso sono pochi, anche perche’ la scelta sanitaria e’ stata di interrompere il monitoraggio accurato della pandemia (la diagnostica a tappeto di tutti i pazienti con sintomatologia respiratoria e’ stata ristretta a solo coloro che richiedono l’ospedalizzazione, e in alcuni Paesi europei non si fa nemmeno questo). Questa scelta e’ ragionevolissima in termini di costi e impegno di risorse, ma ovviamente non ci permette di trarre conclusioni chiare riguardo il numero reale delle persone infettate.
Allora, ecco alcuni elementi per una riflessione.  
a. Innanzitutto, e’ alquanto probabile che il virus abbia colpito un numero di persone di gran lunga superiore a quello attualmente segnalato. Questo perche’ tutti coloro che hanno avuto un’evoluzione benigna della malattia influenzale non hanno avuto bisogno ne’ dell’ospedalizzazione ne’ tanto meno sono stati raggiungi dalla diagnostica. Questo aumenta notevolmente il denominatore (numero di casi) della statistica, e riduce quindi, altrettanto enormemente, il rischio reale di mortalita’ di questa malattia.
b. La malattia ha un decorso sostanzialmente benigno, non dissimile da quello dell’influenza stagionale. Il numero piu’ elevato (rispetto al solito) di casi nei giovani rispetto agli anziani e’ molto probabilmente da attribuire al fatto che questo virus e’ simile ad uno circolato decenni addietro, verso cui gli ultraquarantenni hanno sviluppato un’immunita’ che almeno parzialmente li ha protetti. Difficile pertanto affermare che questo virus colpisce prevalentemente i giovani. E’ piu’ probabile che colpisca meno gli anziani per le stesse ragioni di cui sopra (e quindi la proporzione giovani/anziani risulta falsata).
c. Con l’eccezione di pochissimi casi, ceppi resistenti ai farmaci antinfluenzali non si sono generati, a fronte delle decine di milioni di dosi somministrate. Quei casi resistenti probabilmente sarebbero gli stessi che avremmo trovato se avessimo monitorato l’influenza stagionale con la stessa attenzione dell’influenza “suina”, per la stessa ragione per cui le probabilita’ di trovare un oggetto perduto sono direttamente proporzionali all’intensita’ e all’impegno della ricerca.
d. Insieme ai virus influenzali continuano a circolare tanti altri virus “respiratori” (coronavirus, rinovirus, parainfluenzavirus, adenovirus, ecc). Il virus influenzale, nel periodo stagionale, incide per una meta’ di tutte le infezioni respiratorie. Non sappiamo quante infezioni respiratorie “estive” sono causate da questi virus non influenzali.

Insomma, molto si sta dicendo, ma poco, in realta’, si sa davvero. La sensazione e’ che siamo di fronte alla prima “malattia mediatica” della storia dell’umanita’, in cui il grado di attenzione alla patologia e’ legato piu’ alla comunicazione che al reale problema medico.

La cautela e’ sempre d’obbligo, e non sappiamo cosa accadra’ nel futuro. Speriamo che questa influenza continui il suo naturale percorso, che e’ gia’ pressoche’ terminato nella parte meridionale del globo terrestre (al termine dell’inverno australe), senza che abbia lasciato tracce particolarmente rilevanti. L’attenzione va sempre tenuta alta.

Una riflessione e’ pero’ d’obbligo. In un momento di gravi carenze di risorse da dedicare alla Sanita’, e di tagli dolorosi di ospedali e di prestazioni sanitarie, la scelta di dedicare risorse ingenti a patologie la cui reale pericolosita’ sanitaria e’ ancora da dimostrare richiede un’attenta ponderazione, e un impegno a mantenere alta l’attenzione sulle patologie veramente “killer” che, invece, potrebbero rimanere scoperte sia “mediaticamente” che da un punto di vista sanitario.

Editoriale a cura di Prof. C.F. Perno,  Virologia, Università Tor Vergata, Roma
                                                                                                                  
La Redazione

(versione in pdf per stampa) 


In rilievo:  

ER, la vera conoscenza è un'esperienza (M.Bregni)
La pillola take away (B.Frigerio, Tempi)


RU486/ABORTO/LEGGE 194

Aborto, Ru486 negli ospedali dal 15 ottobre - (La Repubblica)
M. Bocci - 29/08/2009

Medicina e contraddizioni della nuova pillola abortiva - (Il Gazzettino)
G. Biasoni - 30/08/2009

Ru486. La pilloletta take away - (Tempi)
B. Frigerio - 03/09/2009

Gasparri: sì all'inchiesta sulla Ru486 - (Il Sole24Ore )
- 03/09/2009

Con la Ru486 è stata aggirata la legge 194 - (Avvenire)
P. Fornari - 03/09/2009

"Vada a casa ad abortire". Bufera in Emilia sulla Ru486 - (Il Resto del Carlino)
M. Pandolfi - 03/09/2009
INFLUENZA A/H1N1

Il primo grave caso di influenza A - (Corriere della Sera)
S. Ravizza - 30/08/2009

Allarme influenza ed epidemie di panico - (La Stampa)
M. Calabresi - 01/09/2009

Scuole a "chiusura mirata"per il virus - (Il Sole24Ore )
B. Gobbi - 01/09/2009

Bambini contagiati dall'influenza A, quattordici volte più degli anziani - (Corriere della Sera)
M. De Bac - 01/09/2009

Influenza A, servono più vaccini - (Il Tempo)
N. Poggi - 01/09/2009

Un business da 10 miliardi - (Il Sole24Ore )
F. Mereta - 02/09/2009
LEGGE 40/PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA

Anche la provetta per sfruttare le donne africane - (Il Riformista)
L. Scaraffia - 03/09/2009
STAMINALI/CLONAZIONE/IBRIDI

Etiche e super. Ecco le staminali che ci guariranno - (La Stampa Suppl. tSt)
C. Ponzetto - 02/09/2009
EVOLUZIONISMO

L'evoluzione culturale batte quella biologica - (Corriere della Sera)
L.L. Cavalli Sforza - 29/08/2009

La tribù umana - (Il Secolo XIX)
G. Galletta - 31/08/2009
BIOETICA/BIOPOLITICA

Bioetica, Ru486 e scuola i dossier per ricucire - (Il Sole24Ore )
B. Fiammeri - 01/09/2009

La biopolitica non ammette libertà di coscienza - (Il Secolo XIX)
P. Becchi - 01/09/2009

Libertà di stampa. Quando il potere teme il controllo - (La Repubblica)
S. Rodotà - 01/09/2009

La medicina e il senso della vita - (Leader for Chemist)
A. Pessina - 01/09/2009

La cura coincide con la vita - (Il Tempo)
R. Pedrizzi - 02/09/2009

Fisichella rilancia la virtù del silenzio - (Corriere della Sera)
C. Marroni - 03/09/2009
ORGANIZZAZIONE SANITARIA/SPESA

Giusto tagliare le piccole strutture ma per l'urgenza serve l'eccellenza - (Corriere della Sera)
F. Mangiarotti - 29/08/2009

Medicine da banco, in calo per colpa della recessione - (Il Sole24Ore )
E. Netti - 31/08/2009

"Il buon ospedale? Lo fa il medico capace" - (Corriere della Sera)
A. Bz. - 03/09/2009
ERRORE MEDICO/MALASANITA'

Allarme malasanità. "Serve un'Authority per le cliniche" - (Il Riformista)
A. Da Rold - 30/08/2009
RICERCA/UNIVERSITA'

La ricerca merita più attenzione - (Il Sole24Ore )
E. Bonicelli - 29/08/2009
VARIE

La cura della realtà - (Il Foglio)
R. Persico - 29/08/2009