RASSEGNA STAMPA
UNA RIPRESA NON SOLO BIOPOLITICA


La ripresa dell’inizio del nuovo anno, è all’insegna della biopolitica.  Lo scontro politico è ora tutto su contenuti “bioetici” riguardanti l’inizio vita – la decisione del TAR di bocciare le Linee Guida lombarde sulla 194 – (Atto di indirizzo della Regione Lombardia; “Non ci servono giudici in corsia” di B. Frigerio, Tempi 12/01/2011) e del fine vita. “Brutto segnale se a decidere sulle questioni eticamente sensibili –quelle su vita e morte – sono i tribunali”. Così Avvenire il 4/01 (194 due pesi due misure).  E noi aggiungiamo: lo stesso se a occuparsene sono i legislatori, cioè il Parlamento.  Non vogliamo con questo ribadire con altri quella che ormai è una evidenza, cioè che  i temi etici – con contenuti limati e patteggiati ad hoc - sono divenuti pretesto e “collante” per alleanze politiche, per mettere insieme una maggioranza altrimenti non recuperabile su progetti politici reali, di pertinenza prettamente politica (le riforme). La politica è l’arte della mediazione. Regolamentare la vita e la morte “patteggiandole”  significa averne già accettata la relativizzazione rispetto a quell’epoca storica in cui se ne discute. Certo fa specie che sia un Parlamento a dover dissertare di temi che esulano totalmente dalla sua competenza, come quando si discute di quale assistenza sia dovuta a un uomo malato, alla fine della sua vita. Chi cura e assiste i malati  sa bene che solo la condizione clinica di ciascun paziente può determinare la scelta del medico che lo assiste. Dopo l’approvazione della norma di legge l’agire del medico sarà inevitabilmente condizionato da essa,  da un foglio di carta o dal parere di “fiduciari”, presi a sicuri interpreti della volontà del malato.  Il testo di legge attuale - pur nel tentativo di difendere la dignità della vita (“idratazione e alimentazione sono sostegno vitale e non si possono sospendere”) -, è inevitabilmente a rischio di legittimazione dell’abbandono terapeutico (cioè di eutanasia passiva)  nei punti in cui prevede la loro sospensione in caso di assistenza a un “malato terminale” (oggi non c’è in letteratura una definizione univoca su chi è malato terminale, Eluana non lo era eppure è stata diagnosticata tale) e nei casi in cui il medico dissente dalle volontà anticipate del paziente, venendo così sostituito da una commissione di “esperti”.  Accadrebbe per legge quello che si è verificato nei giorni scorsi a Firenze  (Biotestamento, sì del Tribunale - Il Corriere della Sera 13/01/2011). 
In America la spesa sanitaria per pazienti che hanno scelto la gestione del proprio fine vita con le direttive anticipate è di molto inferiore a quella di chi non ha dato disposizioni: “Patients without advance directives have significantly higher terminal hospitalization charges than those with advance directives. Our investigation suggests that the preferences of patients with advance directives are to limit care and these preferences influence the cost of terminal hospitalization”. (Arch Intern Med. 1994;154:2077-2083). La differenza di spesa è un dato indiretto circa il tipo di non trattamento che i primi possono aver ricevuto, pur in un paese ricco come l’America, che tuttavia da sempre non considera l’assistenza sanitaria tra i diritti fondamentali.
E’ questo il difetto delle leggi di oggi. Si vogliono regolamentare materie che non sono proprie del livello legislativo, ma della responsabilità di ognuno nella vita quotidiana, ad esempio della medicina e della professionalità di ogni medico. Questa responsabilità non la supplisce una legge, occorre altro. Si cura un paziente non perché lo dice una legge, ma perché questo è lo scopo della medicina. Oggi  serve una nuova medicina, che affronti i bisogni emergenti; necessita la formazione di medici ancora motivati allo scopo della loro professione, è necessario lo sviluppo delle cure palliative. I malati cronici e fragili diverranno sempre più numerosi e una nuova modalità di accoglienza con nuove strutture, a più basso livello tecnologico e maggior carico assistenziale saranno l’unica soluzione di rispetto della vita e quindi anche del fine vita. Come dice Papa Benedetto XVI: “La volontà politica in definitiva non può divenire efficace sin tanto che non nascerà nell’intera umanità una nuova e più profonda coscienza morale, una concreta disponibilità alla rinuncia che per il singolo diventi criterio morale che decida del proprio stile di vita. […] Sin tanto che questo non accadrà, la politica sarà impotente” (da Luce del mondo).
Buona ripresa a tutti.    
 
Editoriale a cura di C. Isimbaldi

                                                                                                                                    La Redazione
(versione pdf per stampa)


TESTAMENTO BIOLOGICO / EUTANASIA

E' ora di un dibattito anche alla Camera - (Avvenire)
- 28/12/2010

FINE VITA/BINETTI(UDC): subito Lega non segua Obama - (ilsussidiario.net)
- 30/12/2010

Troppa confusione sull'eutanasia - (La Stampa)
Lettera - 05/01/2011

Il testo a Montecitorio:mantenere la nutrizione - (Corriere della Sera)
- 10/01/2011

Veronesi sul biotestamento:Meglio nessuna legge - (Corriere della Sera)
- 10/01/2011

Una commedia splatter che fa ridere sulla morte - (La Repubblica)
- 10/01/2011

Fine vita legge necessaria - (Avvenire)
L. Liverani - 11/01/2011

Testamento biologico: e se provassimo il disarmo bilaterale? - (Il Secolo d'Italia)
G. Federici - 11/01/2011

Sul fine vita fermiamo il tifo da stadio - (Corriere della Sera)
- 12/01/2011

Biotestamento sì del Tribunale - (Corriere della Sera)
M. Gasperetti - 13/01/2011

Così i giudici uccidono la vita e il diritto - (Libero)
F. D'Agostino - 13/01/2011

Kill me please ride dell'eutanasia - (Avvenire)
S. Romano - 13/01/2011

Biotestamento c'è un giudice a Firenze - (L'Unità)
M. Mori - 13/01/2011

Un amministratore per il malato che rifiuta alcune terapie - (L'Unità)
M. Giannotti - 13/01/2011

E a Firenze si inventano una sentenza creativa - (Avvenire)
E. Negrotti - 13/01/2011

Eutanasia tentazione fatale - (L'Osservatore Romano)
F. Cancelli - 13/01/2011 In evidenza
LA RIFORMA SANITARIA IN USA E IL TESTAMENTO BIOLOGICO

Riforma sanitaria: Obama rilancia il "piano fine vita" - (Corriere della Sera)
- 27/12/2010

Se il "care" di Obama scarica i malati più caru - (Avvenire)
F. Ognibene - 28/12/2010 In evidenza

Barack Obama e la spina della nonna - (L'Unità)
- 08/01/2011

Strage al comizio in Arizona - (La Repubblica)
- 09/01/2011

Obama: una tragedia, scopriremo la verità - (Il Messaggero)
- 09/01/2011

Così i nazisti sterminavano i disabili - (Corriere della Sera)
- 13/01/2011
BIOPOLITICA

La strategia del Pdl: conquistare l'UDC su temi etici e fine vita - (Corriere della Sera)
L. Fuccaro - 29/12/2010

Fine vita: Blitz sulla legge per stanare Udc e futuristi - (Corriere della Sera)
- 03/01/2011

Il Governo detta le linee guida sull'aborto - (Il Sole 24 Ore)
M. Bartoloni - 04/01/2011

Il cimitero dei dimenticati dell'eutanasia nazista - (Corriere della Sera)
- 06/01/2011

Bioetica: dialogo UDC-PDL - (Avvenire)
- 06/01/2011

Fioroni: non voterò come il partito sul biotestamento - (Corriere della Sera)
- 08/01/2011

Fine vita: il Pdl punta a dividere il terzo polo - (Il Sole 24 Ore)
M. Bartoloni - 09/01/2011

Bioetica e famiglia usate come merce di scambio - (Il Sole 24 Ore)
- 12/01/2011

Una questione di umanità - (L'Osservatore Romano)
- 13/01/2011
ABORTO/LEGGE 194/CONTRACCEZIONE/RU486

Lombardia bocciate dal TAR le linee guida sull'aborto - (Corriere della Sera)
L. Ferrarella - 02/01/2011

Formigoni attacca il TAR: asseconda la deriva abortista - (Corriere della Sera)
- 03/01/2011

194 due pesi due misure - (Avvenire)
A. Morresi - 04/01/2011

Anche questo attacco alla 194 fallirà - (Il Sole 24 Ore)
M. De Bac - 04/01/2011

I bimbi nati vivi vanno rianimati - (Il Sole 24 Ore)
E. Roccella - 04/01/2011

Intervista a C. Fabris: Contraddittorio l'intervento tardivo - (Avvenire)
E. Negrotti - 04/01/2011 In evidenza

L'aborto tardivo e la 194 - (Corriere della Sera)
M. De Curtis - 06/01/2011

Dalla Lombardia una conferma - (Avvenire)
C. Casini - 06/01/2011 In evidenza

New York: non nasce un bimbo su due - (La Stampa)
- 08/01/2011

Cile: un'altra offensiva sull'aborto - (Avvenire)
- 09/01/2011

Pericolosi alcuni corsi sull'educazione sessuale - (Corriere della Sera)
P. Conti - 11/01/2011 In evidenza

Giusto, quelle lezioni trasformano la vita in un fatto tecnico - (Corriere della Sera)
G. Vecchi - 11/01/2011 In evidenza

Io, laico, applaudo a questa denuncia - (La Stampa)
G. Ferrara - 11/01/2011 In evidenza

Non ci servono medici in corsia - (Tempi)
B. Frigerio - 12/01/2011 In evidenza

Il Pdl lancia la campagna anti RU486 - (La Repubblica ed Milano)
S. Rossi - 13/01/2011

Donna abortì in bagno medico di guardia indagato - (Avvenire)
D. Pantaleo - 14/01/2011
LEGGE 40/STAMINALI

Ma l'utero in affitto ai gay sfratta la dignità delle donne - (Il Giornale)
A. Bernardini de Pace - 29/12/2010

I migliori e il gelo - (Avvenire)
A. Morresi - 29/12/2010

Londra verso un nuovo far west sugli embrioni - (Avvenire)
E. del Soldato - 12/01/2011

Genitori: il nuovo desiderio di un figlio a tutti i costi - (La Repubblica)
M. Marzano - 13/01/2011

La legge 40 vieta ancora la diagnosi sugli embrioni - (Avvenire)
E. Roccella - 13/01/2011 In evidenza
ORGANIZZAZIONE SANITARIA/SPESA

Il Senato generoso solo con il Bambin Gesù - (La Repubblica)
- 28/12/2010

Mia figlia Valentina e i tagli alla sanità - (La Repubblica)
G. Nobile - 31/12/2010

Negli ospedali crescono i costi di assicurazione - (Il Sole 24 Ore)
S. Todaro - 11/01/2011 In evidenza

Rischi monitorati per ridurre i premi - (Il Sole 24 Ore)
F. Micardi - 11/01/2011

Farmaci fare largo ai generici - (La Repubblica)
M. Paganelli - 11/01/2011

Per gli alunni con dsa c'è la circolare ma l'anno è perso - (Italia Oggi)
M. D'Adamo - 11/01/2011

Sanità tagli anche per i manager - (Corriere della Sera, Ed Milano)
S. Ravizza - 13/01/2011