RASSEGNA STAMPA
AIDS, 30 ANNI DOPO: UNA VITTORIA DELLA SOLA TECNOLOGIA?


Quest’anno si celebra il trentennale dell’AIDS. Risale infatti al 1981 la prima descrizione di questa patologia, caratterizzata da immunodeficienza acquisita, e associata a gravissime infezioni e tumori, che e’ stata poi definita come Acquired Immuno Deficiency Syndrome. In questi trenta anni sono stati fatti progressi incredibili; mai infatti, nella storia della Medicina, sono stati ottenuti risultati così significativi in un periodo di tempo relativamente breve. Una malattia invariabilmente mortale e’ stata trasformata, in molti casi, in una patologia cronica, grazie ai farmaci antivirali resi disponibili grazie ad una collaborazione, altamente efficiente, tra industrie farmaceutiche e istituzioni pubbliche.

Quindi, il problema AIDS e’ risolto? La risposta e’ sicuramente no, per tre ordini di ragioni. Una e’ legata alle caratteristiche intrinseche del virus HIV, che non e’ eradicabile dalla persona infettata. Quindi, una volta infettati, il virus rimane per tutta la vita nell’organismo, e l’unico modo di impedire la progressione della malattia e’ quello di assumere per lunghi anni, probabilmente per tutta la vita, la terapia antivirale. Il vaccino e’ ancora lontanissimo. La seconda ragione e’ che il sostanziale controllo dell’AIDS nei Paesi sviluppati non ha adeguato riscontro nei Paesi in via di Sviluppo, dove si trovano almeno 30 dei 33 milioni di persone che nel mondo si stimano essere infettate da HIV. In questi Paesi, la copertura con farmaci antivirali non supera un terzo delle persone che ne hanno bisogno, a fronte di una copertura pressoché totale in Europa occidentale e negli Stati Uniti. Risorse economiche carenti, logistica insufficiente, strategie di intervento spesso infelici e incomplete, giocano un ruolo non irrilevante nella generazione e nel mantenimento del “gap” tra Paesi sviluppati e in via di Sviluppo. La terza ragione e’ la più sottile, ma forse per questo la più importante: manca la percezione delle ragioni fondanti della diffusione della malattia, basate spesso su elementi comportamentali, quali l’uso di droghe iniettive e soprattutto la promiscuità sessuale. Questi elementi ancor oggi mantengono stabile, anno dopo anno, il numero di nuove infezioni (in Italia più di 3000 nel 2011), nonostante che i farmaci abbiano fatto la differenza in termini di riduzione della mortalità. La domanda fondante che pone questa malattia rimane sempre la stessa: e’ possibile eliminare una malattia legata spesso ai comportamenti, senza cambiare i comportamenti stessi? Il ritorno della sifilide, della gonorrea, e in genere l’aumento di tutte le patologie a trasmissione sessuale, indicano con chiarezza che il problema non e’ l’AIDS, ma che l’AIDS e’ l’epifenomeno di un problema ben più ampio, legato primariamente ad una visione positivista e libertaria. Positivista, perché ritiene certa la capacità dell’uomo controllare l’HIV con strumenti tecnici, quali farmaci (per la terapia) e preservativi (per la prevenzione). Libertaria, perché giustificando la libertà dell’uomo di essere pieno artefice della propria vita, di fatto autorizza qualsiasi comportamento, con la sola precauzione di limitarne le conseguenze (appunto, la cultura del preservativo). Come medici, il nostro intervento sull’AIDS guarda in primis all’uomo malato, ma chiede anche la capacità di dare un giudizio sulle cause di queste malattie, sapendo che attraverso tale giudizio passano le scelte di politica sanitaria in termini di prevenzione dell’infezione.

Editoriale a cura di C.F. Perno
Università’ di Roma Tor Vergata


                                                                                                                                La Redazione

(Versione in pdf per stampa)


BIOETICA/BIOPOLITICA

Tutelare la vita è democrazia - (Il Riformista)
L. Romano - 04/12/2011

Nei più fragili uguale dignità - (Avvenire - E' Vita)
G.L. Gigli - 08/12/2011

La nostra vita è anche degli altri - (L'Espresso)
C. Ravasi - 15/12/2011
ORGANIZZAZIONE SANITARIA/SPESA

Pensioni e Sanità: sembra Sel, ma è il Censis - (Italia Oggi)
M. Arnese - 03/12/2011

Il San Raffaele verso lo spezzatino - (Secolo XIX)
F. Bonazzi - 03/12/2011

Ticket sanitari, stop alle regioni - (Sole24Ore)
G. Trovati - 03/12/2011

I tempi di attesa verificati sul web - (Italia Oggi)
- 03/12/2011

Spunta l'ipotesi ticket sui ricoveri, blocco totale dei contratti - (Il Messaggero)
M. Di Branco - 03/12/2011

Più farmaci dentro il carrello della spesa - (La Stampa)
S. Riccio - 04/12/2011

Farmaci, nuovi risparmi in vista - (Il Gazzettino)
D. Boresi - 05/12/2011

Basta sprechi o la salute farà default - (Sole24Ore)
R. Turno - 05/12/2011

Le Regioni evitano i tagli alla Sanità - (Il Messaggero)
- 05/12/2011

Al supermercato Tavor e pillola del giorno dopo - (Corriere della Sera)
M. De Bac - 06/12/2011

Sanità: i buoni esempi ci sono (al Nord) - (Avvenire)
L. Liverani - 07/12/2011

"Fuga verso la pensione, così ospedali al collasso" - (La Gazzetta del Mezzogiorno)
B. Martellotta - 07/12/2011

"Sbagliato liberalizzare ma niente serrata" - (Corriere della Sera - Ed. Milano)
- 08/12/2011

Ammalarsi costa di più. Pazienti per davvero - (Corriere della Sera - Ed. Milano)
- 08/12/2011
EUTANASIA/SUICIDIO ASSISTITO

C'è il primo sì alla "muerte digna" - (Avvenire)
- 03/12/2011

Ognuno scelga, io non ucciderei - (Il Fatto Quotidiano)
I. Marino - 03/12/2011

Il Cardinal Martini e la morte - (Sole24Ore - Domenica)
A. Massarenti - 04/12/2011

La morte pulita di Lucio Magri - (Il Foglio)
- 05/12/2011

L'eutanasia è solo disumana - (Avvenire)
F. D'Agostino - 08/12/2011

La vita? In usufrutto anche per chi vuole l'eutanasia - (Avvenire - E' Vita)
- 08/12/2011

Ricerche e libri, l'Olainsemda scopre il "ritorno" dalla morte - (Avvenire - E' Vita)
M.C. Giongo - 08/12/2011

Testamento biologico non è eutanasia - (Il Riformista)
M. Bordin - 09/12/2011

Lucio Magri: l'infelicità non si risolve con la morte - (Famiglia Cristiana)
L. Lorenzetti - 11/12/2011

Lucio Magri e la clinica della morte dolce - (Oggi)
M. Suttora - 14/12/2011
ABORTO/LEGGE 194/PILLOLA DEL GIORNO DOPO/RU486

Una multa sull'aborto "fai-da-te" - (Sole24Ore)
- 03/12/2011

L'aborto fai da te costa 51 euro di multa - (Il Giornale)
A.M. Greco - 03/12/2011

La Cassazione: l'aborto fai da te è reato - (Avvenire )
- 03/12/2011

Preziosa obiezione di coscienza - (Avvenire )
M. Tarquinio - 06/12/2011

E' Natale, lo Stato ti regala l'aborto - (Il Giornale)
G. Cesare - 07/12/2011

E gli Usa frenano la "Plan B" - (Avvenire - E' Vita)
- 08/12/2011

Fuori dall'ospedale? L'aborto va punito - (Avvenire - E' Vita)
A. Gambino - 08/12/2011

Ecco il sito dedicato a Holly - (Avvenire - E' Vita)
- 08/12/2011

Obiezione? Aboliamola - (Avvenire - E' Vita)
T. Scandroglio - 08/12/2011

I limiti dell'affetto - (La Repubblica )
C. Saraceno - 09/12/2011
PMA/EMBRIONI/STAMINALI

Caro Rodotà, più precisione sulla fecondazione assistita - (ilsussidiario.net)
C. Bellieni - 06/12/2011

E' l'ora di scegliere la strada giusta - Int. a P. Bavia - (Avvenire )
A. Turchetti - 08/12/2011

Il papà di Dolly: basta ricerche sugli embrioni - (Avvenire - E' Vita)
L. Schoepflin - 08/12/2011

Ma la Commissione UE insiste col finanziamento - (Avvenire - E' Vita)
M. Coricelli - 08/12/2011

Inseminatori - (IL - Sole24Ore)
- 09/12/2011

Organi pret-a-porter - (L'Espresso)
G. Sabato - 15/12/2011
PROFESSIONE/RICERCA

Non lasciate morire la ricerca del San Raffaele - (Corriere della Sera)
M. Pappagallo - 06/12/2011

La forza della scienza - (La Stampa)
U. Veronesi - 06/12/2011

Italiana l'idea che fa luce sulla malattia - (Avvenire - E' Vita)
- 08/12/2011