RASSEGNA STAMPA
ANCORA SULLA H1N1. CONFLITTI DI INTERESSE?


Un recente editoriale pubblicato sulla prestigiosa rivista BMJ (British Medical Journal) fa il punto su alcuni aspetti politico-amministrativi legati alla pandemia di virus influenzale H1N1, ormai giunta al suo epilogo. L'editoriale stigmatizza l'elevatissimo rapporto tra costi sostenuti (molti miliardi di euro, valutando il costo dei vaccini, dei farmaci, e dell'attivazione dei sistemi sanitari) e la gravità della patologia, fortunatamente rivelatasi molto meno aggressiva di quanto paventato da alcune agenzie internazionali. Puntando l'indice nei confronti dell'Organizzazione mondiale della Sanità, l'editoriale mette in discussione alcune decisioni, tra cui quella di mantenere segreti i nomi degli esperti internazionali che hanno fornito i consigli che hanno portato alle scelte di sanità pubblica proposte dalla OMS per tutto il mondo. In tal modo, prosegue l'editoriale,  non e' possibile sapere se tali esperti hanno conflitti di interessi con le aziende farmaceutiche e vaccinali, che possano aver potuto interferire con le decisioni prese. Le criticità si estendono anche ad un'ipotetica presenza di conflitti di interesse tra membri stessi dell'OMS e delle aziende farmaceutiche.
In sostanza, l'OMS sale sul banco degli imputati per le decisioni prese per la pandemia. Pur non entrando nel merito dei potenziali torti dell'OMS nella gestione della Sanità pubblica, e pur non escludendo un ruolo non del tutto trasparente dell'OMS stessa, ciò che e' necessario evitare e' la caccia al colpevole che, dichiarato tale e messo all'indice dell'opinione pubblica, automaticamente assolva tutti gli altri attori del sistema "decision-making" e "information-making" attivo durante la pandemia.
Non va infatti dimenticato che le decisioni dell'OMS, giuste o sbagliate che siano, non rappresentano un vincolo per nessun governo. Pur avendo ovviamente un forte valore di “moral suasion" nei confronti dei governi, essi mantengono una libertà totale nel prendere le decisioni ritenute proprie per ciascun Paese. L'esempio e' stata la Polonia, che ha deciso, in tutta autonomia di non aderire alle campagne proposte dall'OMS, e non ha comprato i vaccini. Pertanto, laddove ciascun Paese ha i suoi esperti, e nel momento in cui prende decisioni, esse sono a carico del Paese stesso.
Il fatto che l'OMS abbia dato indicazioni, non toglie la responsabilità, positiva o negativa, dei governi nelle decisioni prese. L'altro grande attore e' rappresentato dai "media". Molti di essi, lungi dal limitarsi a descrivere gli eventi, ad ogni latitudine hanno curato più la ricerca dello "scoop", amplificando a dismisura valutazioni allarmistiche, spesso guidate da pseudoesperti, che hanno avuto come risultato finale quello di porre sotto pressione i governi ne prendere decisioni al limite, e forse al di là, di quelle che erano le valutazioni dei rischi reali della pandemia.
Anche i "media" pertanto non possono chiamarsi fuori dal gioco della ricerca del colpevole, anzi debbono interrogarsi sul loro ruolo di "guida culturale" nella società moderna.
Infine gli operatori sanitari. Molti hanno parlato, pochi erano veramente competenti a farlo. La possibilità di parlare in pubblico, possibilmente in televisione, ha prodotto informazione carente, spesso sbagliata, che non può non avere  inciso sulle decisioni prese.
In sostanza, puntare l'indice su OMS e su aziende farmaceutiche, alcune di esse forse non limpidissime nelle scelte fatte e nelle strategie perseguite, non giova a capire ed interpretare la verità. Altre pandemie verranno, altre decisioni di sanità pubblica dovranno essere prese, in ambito infettivologico o meno. Definire i ruoli, e capire il rilievo che ciascuno ha in un sistema altamente interdisciplinare in cui ognuno interferisce con le prerogative dell'altro, significa dare un giudizio che ci aiuterà ad affrontare meglio le nuove sfide che ci attendono.

Editoriale a cura di Carlo Federico Perno
Professore Ordinario di Virologia, Universita' di Roma "Tor Vergata"

                                                                                                                         La Redazione

> Editorial. Conflicts of Interest and pandemic flu (BMJ - 12 june 2010)
> Conflicts of Interest. WHO and the pandemic flu "cospiracies" (BMJ - 12 june 2010)

(Versione in pdf per stampa)


TERAPIA DEL DOLORE/FINE VITA/EUTANASIA/CURE PALLIATIVE

La donna che vuole sconfiggere il dolore - (La Stampa)
- 19/06/2010

Uno stop alla sofferenza sancito dalla legge - (Corriere Della Sera)
- 20/06/2010

Londra, medico aiutò due pazienti a morire - (Avvenire)
E. Del Soldato - 20/06/2010

Nuovo hospice: comitato dei parenti per vigilare sull'attività - (Messaggero Veneto ed. Udine)
- 22/06/2010

Cosa fare se a soffrire sono bambini e anziani - (Il Giornale)
E. Grassi - 22/06/2010

L'umiltà di arrendersi all'evidenza - (Avvenire E' Vita)
A. Morresi - 24/06/2010

Medici: sugli stati vegetativi gli Ordini si dividono - (Avvenire E' Vita)
E. Negrotti - 24/06/2010
ABORTO/OBIEZIONE DI COSCIENZA/RU486

Puglia, basta obiezioni? - (Avvenire)
S. Scolozzi - 17/06/2010 In evidenza

La guerra della destra alla Ru486 - (L'Unità)
G. Buffo - 21/06/2010

L'aborto e la retorica sulla libertà di scelta - (Il Riformista)
E. Roccella - 22/06/2010

Allarme della Chiesa per un nuovo farmaco abortivo - (L'Osservatore Romano)
- 22/06/2010 In evidenza

Sesso libero, pillola, aborto. Il grande freddo - (Avvenire)
G. Amato - 24/06/2010

L'aborto chimico in Veneto non "sfonda" - (Avvenire E' Vita)
F. Dal Mas - 24/06/2010

"Siamo in lotta contro la narcosi del cuore" - (Avvenire)
G. Noia - 24/06/2010

Uccide, ma la chiamano "medicina" - (Avvenire E' Vita)
- 24/06/2010

Spagna. Tutto nei consultori per ridurre i costi - (Avvenire E' Vita)
- 24/06/2010

"Pillola Ru486 solo col ricovero" - (Avvenire)
E. Negrotti - 25/06/2010
DIAGNOSI PRENATALE/EUGENETICA/CONTRACCEZIONE

Sbagliata la diagnosi prenatale. Medico pagherà 400 mila euro - (Corriere Della Sera ed. Milano)
G. Guastella - 20/06/2010

Usa. Sbarca la pillola dei 5 giorni dopo? - (Avvenire E' Vita)
- 24/06/2010
STAMINALI

Prima vittima per il turismo delle staminali - (Il Giornale)
- 19/06/2010

La Biobanca tra assistenza e ricerca - (Il Giornale)
M. Cusumano - 21/06/2010

Staminali a passi lunghi - (Milano Finanza)
C. Cimato - 22/06/2010

Cellule embrionali nuova frenata dagli Usa - (Avvenire E' Vita)
- 24/06/2010 In evidenza

Le staminali ridanno la vista - (Il Sole24Ore)
L. Ricci - 25/06/2010
RICERCA
DONAZIONE ORGANI

Quante incognite sui "samaritani" - (Avvenire E' Vita)
E. Negrotti - 24/06/2010
BIOETICA/BIOPOLITICA

La legge? Naturale & razionale - (Avvenire E' Vita)
T. Scandroglio - 24/06/2010

La nostra libertà dipende da un gap - (La Stampa)
E. Boncinelli e M. Di Francesco - 24/06/2010

Uno scienziato alla scoperta della censura - (Libero)
G. Sermonti - 24/06/2010 In evidenza

Salute per tutti a risorse stabili - (Il Sole24Ore Sanità)
E. Missoni - 28/06/2010

Oncologia: confronto aperto sull'etica - (Il Sole24Ore Sanità)
C. Iacono - 28/06/2010

Troppi "segreti" sui farmaci autorizzati nell'Ue - (Il Sole24Ore Sanità)
S. Garattini - 28/06/2010
ORGANIZZAZIONE SANITARIA

Certificati online: obbligo al via ma senza software - (Il Sole24Ore)
A. Carli - 19/06/2010

Le visite fiscali rimangono senza soldi - (Il Sole24Ore)
G. Trovati - 22/06/2010

Prova finale per i certificati online - (Il Sole24Ore)
- 22/06/2010

Medici e infermieri in rivolta, scatta lo sciopero della fame - (Il Mattino)
M. Chiapparino - 22/06/2010

I medici di famiglia sollecitano l'esonero Irap - (Il Sole24Ore)
M. Bellinazzo - 23/06/2010

Federfarma: stop ai farmaci convenzionati con il Ssn - (Il Sole24Ore)
S. Todaro - 23/06/2010

Le fondazioni sanitarie finiscono sotto esame. Lega: ora una verifica - (Il Sole24Ore ed. Lombardia)
M. Prioschi - 23/06/2010
MANOVRA FINANZIARIA