RASSEGNA STAMPA
L'UOMO, LA MEDICINA, LA POLITICA


Due i fatti dell’ultima settimana, entrambi riguardanti la medicina e la politica, nel loro rapporto con l’uomo e la pretesa di dettare legge a prescindere, non tenendo in conto di ciò che l’uomo è:
1- la sentenza del TAR lombardo del 22 gennaio non è solo entrata in merito agli aspetti amministrativi riguardanti la questione Englaro - che tutti conosciamo -  ma si è spinta fin dove non doveva, fin dove nessuno aveva chiesto di inoltrarsi perché non di sua competenza. Il TAR è entrato a gamba tesa e volontariamente (nel mondo calcistico sarebbe stato cartellino rosso cioè espulsione perché rappresenta il massimo di scorrettezza)  su obiezione di coscienza e autonomia della professione medica, inoltrandosi in un campo minato e dimostrando una ignoranza abissale  a riguardo, non perdonabile ad una istituzione. La possibilità di obiezione di coscienza è alla base di ogni società civile che si rispetti, è una tecnica di civiltà, sbandierata anche in tante lotte per il servizio civile: dunque non può valere per alcune istanze e non per altre, fondamentali.  La sentenza del TAR dimostra di misconoscere il dettato costituzionale e di non conoscere per nulla il codice di Deontologia Medica del 2006 (art 22). La nostra è una professione in cui crediamo profondamente, nonostante il vilipendio e lo scempio di cui oggi è fatta oggetto. Professare vuol dire tradurre nel proprio lavoro ciò che si è, quello in cui si crede, ciò che si ritiene essere “il bene” per chi ci sta davanti perché è professare prima di tutto un senso. E questo senso non ce lo danno le istituzioni o un’etica che cambia in un’epoca rispetto ad un’altra come molti esperti di bioetica moderna vorrebbero farci credere. L’uomo è sempre uomo dall’inizio del mondo. Non cambia la sua struttura originaria oggi rispetto all’inizio dei secoli: da medici dunque riteniamo inaccettabile la sentenza sui due punti citati. Siamo al lavoro anche per questo. (Lettera MP agli Ordini dei Medici)
2- La nomina di Obama a presidente degli Stati Uniti è stata salutata in modo entusiastico dalle principali riviste scientifiche internazionali. Nature, in un editoriale del 22 gennaio scorso  intitolato “La scienza ristabilita - Science restored- ”  commenta in questo modo  la dichiarazione di Obama nel suo discorso inaugurale di “voler restituire alla scienza il giusto posto“: “Gli otto anni dell’amministrazione repubblicana del presidente uscente George W. Bush sono visti da molti, se non da tutti i ricercatori, tempi bui per l’apertura scientifica degli Stati Uniti. Sono stati tempi in cui funzionari politici censuravano rapporti tecnici in conflitto con le priorità politiche del governo, e ignoravano pareri scientifici su argomenti quali la contraccezione, le cellule staminali, i cambiamenti climatici. Con sole sei parole, Obama ha posto fine a tutto questo”.  Quali sono stati i primi provvedimenti presi da Obama, che hanno scatenato questa ammirazione acritica da parte di una delle più rispettate e temute riviste scientifiche internazionali? Due: riprendere i finanziamenti alle agenzie di regolazione delle nascite pro-aborto  -  UNPFA e IPPF - , e i finanziamenti del governo federale alla ricerca sulle cellule staminali embrionali. L’amministrazione Bush con il suo atto del 2001 aveva vietato il finanziamento alla ricerca sulle cellule staminali embrionali con fondi federali. Si badi bene: la ricerca non era vietata, ma era possibile con le linee cellulari già esistenti, e non erano vietati i finanziamenti da parte di agenzie private non governative. Appena tre giorni dopo la sua elezione, l’ente regolatorio preposto ai controlli sui farmaci e sulle terapie mediche negli Stati Uniti (FDA- la Food and Drug Administration) ha dato l’approvazione ad uno studio pilota di terapia con cellule staminali embrionali per la ricostituzione del midollo spinale danneggiato da gravi traumi. Si tratta di uno studio di Fase I, destinato cioè a verificare la sicurezza e non l’efficacia della terapia, e coinvolgerà 8-10 pazienti. Questo stesso studio era stato rinviato dalla FDA sei mesi fa con la motivazione che i dati non erano sufficienti per l’applicazione clinica. Possibile che in sei mesi siano stati prodotti tutti i dati mancanti? Chiaramente no, e persino l’ultraliberal New York Times afferma, citando il parere del chairman della Neurologia della Northwestern University di Chicago, che “Avremmo voluto iniziare con il miglior studio possibile, e questo non lo è”. E’ dunque chiaro lo scopo. Evidentemente non si tratta di  ristabilire la scienza, stiamo assistendo ad un tragico rapporto di scambio: Obama deve restituire favori alle potenti lobbies intellettuali e biotecnologiche che hanno sponsorizzato, ideologicamente ed economicamente, la sua lunga e onerosa campagna elettorale, e lo fa a spese degli embrioni, i più indifesi tra gli esseri umani.
Editoriale a cura di C. Isimbaldi E M. Bregni

                                                                                   La Redazione
(versione in pdf per stampa)


ELUANA

Denuncia certa per i sanitari che eseguono la sentenza - (Avvenire)
P. Ferrario - 24/01/2009 In evidenza

Il caso di Eluana nel paese della doppia obbedienza - (La Repubblica)
E. Mauro - 24/01/2009

Doppia obbedienza? No, richiamo alla giustizia - (Avvenire)
F. D'Agostino - 25/01/2009

Chi ha paura dell'obiezione di coscienza? - (Avvenire)
M. Olivetti - 25/01/2009

"E' assurdo, la sua vita non può finire lì" - (Il Giornale)
R. Balestrieri - 25/01/2009

Eluana a Udine, anche se vinceremo con il Tar lombardo - (Corriere della Sera)
G.M. Mottola - 26/01/2009

Che orrore su Eluana: usano un cavillo per poterla uccidere - (Il Giornale)
M. Alfano - 26/01/2009

Udine rallenta: decisione solo la settimana prossima - (Avvenire)
F. Dal Mas - 27/01/2009

Tar-choc: via libera alla morte di Eluana - (Avvenire)
N. Scavo - 27/01/2009

Il Tar ordina alla Lombardia: date un ospedale a Eluana - (Corriere della Sera)
G.M. Mottola - 27/01/2009

La via italiana all'eutanasia - (Il Foglio)
A. Gambino - 27/01/2009 In evidenza

La dignità del malato - (Il Mattino)
F.P. Casavola - 27/01/2009 In evidenza

Bagnasco: è eutanasia - (La Repubblica)
- 27/01/2009

Nessuno può ordinarmi di uccidere - (La Stampa)
F. Poletti - 27/01/2009 In evidenza

La sentenza forza i termini della questione - (Avvenire)
F. D'Agostino - 27/01/2009

Formigoni si rifiuta di rispettare la sentenza - (L'Unità)
F. Fantozzi - 28/01/2009

Fino all'ultimo cibo e acqua. Non sarà mai eutanasia - (Italia Oggi)
A. Ricciardi - 28/01/2009

Vietato fermare l'alimentazione - (Il Sole24Ore )
M. Bartoloni - 28/01/2009

Tar lombardo, quanti motivi per bocciarlo - (Avvenire)
A. Galli - 29/01/2009

Udine dice sì a Eluana: "Può morire da noi" - (Il Giornale)
N. Materi - 29/01/2009

Eutanasia soft - (Tempi)
- 29/01/2009

Noi non ci stiamo: a Udine la scelta di molti infermieri - (Avvenire)
F. Dal Mas - 30/01/2009 In evidenza

Obiezione senza coscienza - (Internazionale)
L. Sofri - 30/01/2009

Se la morte ce la passa lo Stato - (Panorama)
F. Belpietro - 05/02/2009
FINE VITA/TESTAMENTO BIOLOGICO/EUTANASIA

La vera notizia sulla bioetica - (Europa)
R. Di Giovan Paolo - 24/01/2009

Veronesi: testamento biologico la legge è incostituzionale - (Corriere della Sera)
U. Veronesi - 26/01/2009

Testamento biologico, la legge del Pdl: le volontà "scadono" ogni 3 anni - (Corriere della Sera)
M. De Bac - 27/01/2009

Il testamento trasversale - (Liberal)
F. De Felice - 27/01/2009

Una legge dopo Eluana - (Italia Oggi)
F. Bechis - 27/01/2009 In evidenza

Fine vita: scacco al diritto in tre sentenze - (Avvenire)
M. Aramini - 29/01/2009

Chi decide i diritti degli italiani - (Europa)
F. Orlando - 29/01/2009

L'umanitario contro l'umano - (Il Foglio)
S. Tamaro - 29/01/2009 In evidenza

Il bio-testamento, l'eutanasia e la lezione di Moro - (Il Riformista)
L. Vallone - 29/01/2009

Fine vita: negli Usa ci pensa solo il 10% - (Avvenire)
G. Santamaria - 30/01/2009

Fine vita o fine Pd? Binetti all'attacco - (Il Riformista)
S. Oranges - 30/01/2009
CURE PALLIATIVE/DISABILITA'

I disabili rendono il mondo migliore - (Verona Fedele)
- 25/01/2009 In evidenza

Cura di piazza - (Il Foglio)
M. Bruni - 27/01/2009

Una risposta di vita contro il dolore - (L'Osservatore Romano)
F. Cancelli - 30/01/2009
OBAMA, L'ABORTO, LA RICERCA SULLE EMBRIONALI

E' l'arroganza di chi si crede nel giusto - (Corriere della Sera)
G. Vecchi - 24/01/2009

Aborto e staminali, Obama cancella i divieti di Bush - (Corriere della Sera)
P. Valentino - 24/01/2009

Il regalo di Barack alle ONG abortiste - (Il Foglio)
- 24/01/2009

Obama difende l'aborto - (L'Unità)
U. De Giovannangeli - 24/01/2009

Obama ha fatto la scelta peggiore - (Avvenire)
A. Simoni - 25/01/2009

Londra: aumentano gli aborti consecutivi - (Avvenire)
- 25/01/2009

Sull'aborto non ci sarà il New Deal. Obama segue le orme di Clinton - (Il Riformista)
M. Ricciardi - 25/01/2009 In evidenza

Meno mutui, più aborti, anche Obama è razzista - (Libero)
R. Farina - 25/01/2009 In evidenza

I progressi della scienza devono servire all'uomo - (L'Osservatore Romano)
Benedetto XVI - 27/01/2009 In evidenza

Perchè l'America non osa toccare la Roe v. Wade - (Il Riformista)
E. Beltramini - 28/01/2009

La rabbia di Marino: "Peggio della legge 40" - (Il Riformista)
T. Labate - 28/01/2009
FECONDAZIONE ASSISTITA/STAMINALI/EUGENETICA/RIDUZIONISMO
BIOETICA/BIOPOLITICA

Quando la filosofia diventa schiava della tecno scienza - (L'Osservatore Romano)
A. Pessina - 28/01/2009

"Io e sua maestà il Dolore" - (Il Giornale ed. Milano)
M. Riva - 28/01/2009
ORGANIZZAZIONE SANITARIA

Ambulatorio ai clandestini. Nessuno scandalo, è civiltà - (Il Gazzettino)
P. Cadrobbi - 25/01/2009

Il deficit sanitario verso i quattro miliardi - (Il Sole24Ore )
R. Turno - 25/01/2009

Negli ospedali 120 milioni di farmaci "dimenticati" - (Il Gazzettino)
A. Favaro - 25/01/2009

Il Centrodestra "processa" la sanità di Vendola e Tedesco - (La Gazzetta del Mezzogiorno)
- 27/01/2009

Sanità, possibili nuovi tagli - (Il Sole24Ore )
R. Turno - 29/01/2009

"Spesa dei farmaci sotto controllo. Anche grazie ai generici" - (LiberoMercato)
A. Paglicci - 29/01/2009