RASSEGNA STAMPA
EUTANASIA DEI BAMBINI


Finire la vita in modo volontario è realmente un vulnus fortissimo per tutta la società. Già questo taglierebbe la testa al toro delle proposte di eutanasia o di suicidio assistito. Ma anche nel dettaglio le proposte non sono tutto rose e fiori. Per poter dare un parere completo sulla tanto discussa novità dell’eutanasia infantile di cui si discute in Belgio e che già è in atto in Olanda, seguendo il ben noto «Protocollo di Groningen», bisogna guardare il vero punto: l’interesse del bambino. Si parla di coinvolgerlo nel decidere «cosa è intollerabile per lui» e in particolare per il suo futuro. Ma nel bambino è assolutamente difficile poter avere un pensiero che possa investire sul futuro dato che per chi è troppo piccolo questo non è realistico e che per l’adolescente il futuro è qualcosa troppo legato al presente come esperienza. E cosa sa un bambino del peso futuro di una vita con un possibile handicap, se per lui conta giustamente solo l’oggi? Ma anche quando si pensa che la vita con un handicap sia impossibile, si può restare smentiti; da chi l’handicap ce l’ha e ci convive, per esempio, ma non solo. «In realtà non c’è una relazione lineare tra danno neurologico e ’sofferenza insopportabile’ o ’scarsa qualità di vita’». Così scriveva in un editoriale sulla rivista svedese Acta pediatrica John Wyatt dell’Imperial College di Londra.

E in questa incertezza sarebbe l’interesse del bambino finire di vivere?
Ma c’è anche un altro punto allarmante: decidere, nell’interesse di chi? Michael Gross già nel 2002 su Bioethics scriveva che nei dati provenienti dalle nazioni da lui prese in considerazione – Israele, Inghilterra, Usa e Danimarca – emerge che «c’è un appoggio generale al neonaticidio soggetto alla valutazione che i genitori fanno dell’interesse del neonato, definito fino a considerare il danno fisico così come il danno sociale, psicologico e/o finanziario a terze parti». Ed è proprio questo punto delle terze parti che va considerato: in ogni decisione medica si deve sempre tenere conto solo e soltanto dell’interesse del paziente e non di altri, fosse anche la società stessa o il presunto interesse dei parenti esausti o abbandonati dallo Stato. Aprire all’eutanasia lo garantisce?

Nel campo del fine vita si vanno poi a considerare i neonati in modo diverso dagli altri. Sul Journal of perinatology del maggio 2013 Annie Janvier spiega che le decisioni sul fine vita di neonati o di bambini più grandi dovrebbero essere fatte seguendo gli stessi criteri, invece «quando un neonato è a rischio di un certo livello di disabilità, alcuni ritengono accettabile sospendere o negare la terapia salvavita mentre un bambino più grande con lo stesso livello di disabilità può non essere considerato un candidato per le (sole) cure palliative». E in questi anni abbiamo assistito a proposte di «aborto postnatale», oppure di un valutare le scelte su basi «innovative»: «Quando si può permettere a un bambino di morire, basandosi sulla futura qualità di vita?» si domandava Wilkinson sull’ American journal of bioethics del 2011, e rispondeva: «La visione ufficiale prevalente è che il trattamento possa essere sospeso solo quando i pesi della vita futura saranno maggiori dei benefici». Già questo lascia il dubbio su chi debba o possa valutare che su queste basi la vita non merita di essere vissuta. Ma poi aggiunge, argomentando le motivazioni, a proposito di quei bambini in cui i futuri benefici sono un po’ maggiori dei futuri pesi: «Io concludo che è giustificabile in certe circostanze decidere di permettere a un bambino di morire anche se la sua vita varrà la pena di essere vissuta». Sembra di veder spostare la centralità dell’interesse dal paziente alla comunità che non sa come accudirlo. Ma questo non è il pensiero di tutti i medici.
In Italia il dibattito sul fine vita pediatrico è stato sollevato da più parti ed è durato finché il Comitato nazionale di bioetica ha sancito nel 2006 che non si può «qualificare accanimento terapeutico il mero fatto che un neonato prematuro venga subito sottoposto a cure intensive al momento della nascita» pur nell’attenzione a non iniziare cure che già si sanno inutili a salvare la vita, e che «la mera previsione di una disabilità, anche grave, ma compatibile con la vita, destinata a colpire il neonato prematuro non può giustificare la desistenza delle cure a suo favore». Insomma, la sofferenza deve essere valutata con gli strumenti giusti e non solo ipotizzata, mettendosi surrettiziamente al posto del malato e pensando «io non l’accetterei».
A cura di Carlo Bellieni
(Avvenire, E' Vita, 27/06/2013)


                                                                                                                                                     La Redazione

(versione in pdf per stampa)


TESTAMENTO BIOLOGICO / EUTANASIA

Testamento biologico OK ma in versione ridotta - (La Repubblica - Ed. Milano)
- 26/06/2013

Il biotestamento fa flop - (Avvenire)
D. Fassini - 26/06/2013

Eutanasia dei bambini scempio normalizzato - (Avvenire)
C. Bellieni - 27/06/2013
ABORTO / CONTRACCEZIONE
STAMINALI

Staminali oltre i conflitti tra magistrati e medici - (Corriere della Sera, Ed. Brescia)
N. Ferrari - 22/06/2013

Speranza staminali: una svolta per la SLA? - (Avvenire)
A. Guerrieri - 25/06/2013

Il disagio di Bresciasul casto Stmina - (Il Sole24Ore)
B. Gobbi - 27/06/2013

Caso Stamina, è battaglia sui prini test - (Avvenire)
- 27/06/2013

Cellule adulte contro distrofia e sclerosi - (Avvenire)
- 27/06/2013
ORGANIZZAZIONE SANITARIA / SPESA

Generici nel guado Nord Sud - (Il Sole24Ore)
L. Gatti - 18/06/2013

"Fare" taglia certificati inutili e burocrazia - (Il Sole24Ore)
- 18/06/2013

Prontoi soccorso, crollo di accessi - (Il Sole24Ore)
P. Del Bufalo - 18/06/2013

E-Health attiva in mezza Italia - (Il Sole24Ore)
M. Moruzzi - 18/06/2013

Medici, piange la busta paga - (Il Sole24Ore)
P. Del Bufalo - 18/06/2013

Cure tossiche, i medici pagano - (Il Sole24Ore)
P. Ferrari - 18/06/2013

UE la sigaretta elettronica è un farmaco - (Avvenire)
V. Daloiso - 22/06/2013

No alla sigaretta elettronica solo in farmacia - (Il Giornale)
- 23/06/2013

Perderemo seicento medici di famiglia - (Corriere della Sera)
I. Trovato - 25/06/2013

Patto salute si parte a luglio - (Il Sole24Ore, Sanità)
- 25/06/2013

Decreto "fare" a misura UE - (Il Sole24Ore, Sanità)
- 25/06/2013

Così la gestione locale delle strutture accreditate controlla la spesa - (Il Sole24Ore, Sanità)
G. Monti - 25/06/2013

Eccesso di prestazioni diagnostico terapeutiche. Tagliare sì ma con cautela - (Il Sole24Ore, Sanità)
N. Cartabellotta - 25/06/2013

Pronto soccorso troppo lento - (Il Sole24Ore, Sanità)
M. Corso - 25/06/2013

La gelata sui laboratori privati - (Il Sole24Ore, Sanità)
- 25/06/2013

Mobilità più semplice per gli operatori sanitari - (Il Sole24Ore, Sanità)
R. Magnano - 25/06/2013

Giovani medici ecco la ricetta ANAAO - (Il Sole24Ore, Sanità)
P. Del Bufalo - 25/06/2013

Blocco contratti sciopero a luglio - (Il Sole24Ore, Sanità)
P. Del Bufalo - 25/06/2013

Pensioni diminuisce la spesa - (Il Sole24Ore, Sanità)
C. Testuzza - 25/06/2013

Dall'ENPAM l'Osservatorio sul lavoro - (Il Sole24Ore, Sanità)
C. Testuzza - 25/06/2013

I meriti taciuti - (Corriere della Sera)
R. Formigoni - 26/06/2013
PROFESSIONE

Fuga nel privato per curarsi - (Panorama, Sanità)
- 17/06/2013

Medici, ai blocchi di partenza il cyber-codice deontologico - (Il Sole24Ore)
B. Gobbi - 22/06/2013

Allarme per la ricerca sanitaria - (Il Sole24Ore)
I. Vesentini - 22/06/2013

Il coraggio di cambiare - (Corriere della Sera)
G. Remuzzi - 23/06/2013 In evidenza

Si spogli che vediamo - (Corriere della Sera)
R. Scanni - 23/06/2013 In evidenza

Perchè rimane ancora attuale il Giuramento di Ippocrate - (Corriere della Sera)
A. Torno - 23/06/2013 In evidenza

Assistenza Italia maglia nera in Europa - (Il Sole24Ore)
- 25/06/2013

Deontologia cantiere FNOM - (Il Sole24Ore, Sanità)
B. Gobbi - 25/06/2013

Niente colpa se il ricovero è rifiutato - (Il Sole24Ore, Sanità)
- 25/06/2013

SOS il morbillo torna a colpire - (La Stampa)
- 26/06/2013

La fabbrica degli organi - (Il Messaggero)
- 26/06/2013

Attenti al morbillo preso in età adulta - (Corriere della Sera)
S. Harari - 27/06/2013