Medicina e Persona Specializzandi


MEDICINA E PERSONA SPECIALIZZANDI
Come molti nostri colleghi, dopo esserci laureati in medicina e aver conseguito l’abilitazione, con più o meno successo abbiamo iniziato il percorso della specialità. Eppure, in molti casi la nostra condizione continua a essere quella degli eterni studenti, senza troppi obblighi e responsabilità da un lato e dall’altro con un impegno formativo da parte dei docenti se possibile ancora minore. Il pericolo più grande è quello di sentirsi arrivati; ma come non si rimane fidanzati in eterno, così il nostro traguardo non può essere fare gli specializzandi. Abbiamo voglia di diventare bravi medici e professionisti capaci nella disciplina che abbiamo scelto. E vogliamo iniziare subito!


Già nello studiare medicina, abbiamo capito che la medicina non è un mestiere ma una professione, cioè un ambito in cui chi lavora necessariamente investe le sue capacità e conoscenze ma anche la propria concezione del malato, della malattia e del dolore. Troppo spesso, anche una formazione scientificamente valida rischia di confinare questi argomenti all’ambito puramente personale. Per noi gli anni della specialità sono preziosissimi per approfondire nel rapporto con altri medici una dimensione completa dell’arte medica, come veniva recentemente richiamato da Lancet.


Per questo sentiamo l’esigenza di un luogo, che ci sproni a usare con intelligenza e curiosità il tempo della specialità, in cui possiamo confrontarci e porre domande a medici in cui già vediamo in atto quella professionalità che desideriamo imparare. Sentiamo l’esigenza di incontrare e dialogare con chi è nella nostra stessa condizione, perché il contributo dell’esperienza di ciascuno sia sostegno e aiuto per affrontare la realtà che ogni giorno ci troviamo davanti in corsia, in sala operatoria, negli ambulatori o nei laboratori di ricerca. Per molti di noi l’associazione Medicina e Persona è stata questa possibilità di confrontarsi su tematiche scientifiche, professionali ed etiche, guardando alle realtà presenti sia a livello nazionale che internazionale.


Proprio in quest’ultimo anno, ci siamo accorti che ci sono molte questioni aperte riguardo alle modalità di applicazione del nostro nuovo contratto: la retribuzione, la graduale assunzione di responsabilità prevista per legge, le missioni scientifiche all’estero e altro ancora.
Da queste premesse, per rendere possibile un più immediato confronto con le università, le Regioni e il Ministero abbiamo deciso di costituire un’associazione:  MEDICINA E PERSONA SPECIALIZZANDI.

specializzandi@medicinaepersona.org