EVENTO
ARTE, SCIENZA E CONOSCENZA


Nei giorni: 08/02/2013

Incontro:

ARTE, SCIENZA E CONOSCENZA
Sui meccanismi con cui la ragione conosce la realtà. Ad uso di medici, ma non solo

Giorgio Bordin

Venerdì 8 febbraio

Ore 21.00

Sala Convegni delle Piccole Figlie

Hospital Piccole Figlie

Via Po, 1
Parma

Arte e scienza sono forme tanto diverse dell'espressività umana da apparire spesso estranee l'una all'altra, quasi fossero modalità antitetiche di sguardo sul mondo. La scienza è normalmente percepita come un metodo di conoscenza autorevole, affidabile e capace di cogliere il reale nella sua oggettività, ma fondamentalmente estraneo alla prospettiva di significato e di bellezza a cui il cuore dell'uomo aspira. Al contrario l'arte, come altre forme di conoscenza e di espressione esplicitamente rivolte al senso e al destino delle cose, è percepita come il dominio incontrastato del soggetto, della sensibilità personale e, in quanto tale, opinabile e arbitraria.

Forse queste percezioni corrispondono a un'idea astratta piuttosto che all'esperienza reale di chi vive in prima persona l'avventura della ricerca scientifica o il dono dell'espressività artistica. (...) Lo scienziato e l'artista, nella distinzione del metodo che usano, sono accomunati nel loro punto di origine da una purità dello sguardo, da una disponibilità a cogliere l'enigmaticità del reale, a riconoscere ciò che va oltre la pura apparenza, dal gusto di obbedire al dato così com'è, senza i quali nè scienza nè arte potrebbero avere inizio. (1)

(Marco Bersanelli, Ordinario di Astronomia e Astrofisica. Dipartimento di Fisica. Università degli studi di Milano)

(1) tratto dall'introduzione al libro: "Arte, scienza e conoscenza. Sui meccanismi con cui la ragione giunge a conoscere la realtà. Ad uso di medici, ma non solo"- Giorgo Bordin. Ed. Itaca

> Volantino